03.mar.2011 FAY TALES: LE VIDEOSCENOGRAFIE PROTAGONISTE DI UNA SFILATA SENZA INDOSSATRICI.

fay

fay

fay

Durante la settimana della moda a Milano ho avuto modo di assistere all’evento-sfilata di Fay, brand del gruppo Tod’s. La sfilata si è tenuta al PAC, in una delle sue sale completamente oscurata, con una messa in scena fatta esclusivamente da video. La novità principale non sta tanto nella scelta di utilizzare delle videoscenografie come elemento dominante, ma nella scelta di non utilizzare indossatrici, il prodotto viene mostrato senza l’elemento umano, sia all’interno dei video racconti che in un’esposizione materiale degli abiti.

L’evento Fay smette di essere sfilata e diventa esposizione e installazione insieme, decide di raccontare l’immaginario del brand in maniera dinamica, creando contesti e ambientazioni dove gli abiti vivono senza essere indossati, come oggetti, come veri e propri prodotti di design. La moda smette di raccontarsi con i suoi soliti codici e si avvicina ad altri mondi della creatività come l’arte e il design, ma soprattutto è il video a essere protagonista, come strumento di racconto plurale, come caleidoscopio di infinite possibilità  narrative e stilistiche.

L’immaginario rappresentato nella sfilata però non è originale quanto quello che Fay ha mostrato negli scatti realizzati dal fotografo Tim Walker, dove si può ben notare un incontro-scambio tra campagna e città, elementi urbani ambientati in scenari campestri e al contrario ambienti urbani abitati da elementi rurali. La vidoscenografia al PAC si discostava dal linguaggio naturalistico di Tim Walker per abbracciare una dimensione più sognante (giostre, skyline di città, interni di case, paesaggi di montagna, elementi di british style, ecc.) che a mio parere si sposa poco con l’identità del marchio Fay.

Mi ha comunque rallegrato la visione di un evento-moda lontano dai codici condivisi negli ultimi anni, sperando che la settimana della moda si apra maggiormente sia al pubblico vero che alla creatività interdisciplinare, un po’ come accade durante il Salone del Mobile.

http://www.fay.it/

http://www.timwalkerphotography.com/